domenica 4 marzo 2018

RÉVERIES E VARIAZIONI BRILLANTI: PAGANINI, LISZT, SIVORI

Fondazione Istituto Liszt
Via A. Righi n. 30, Bologna, ore 17

Mauro Tortorelli, violino
Angela Meluso, pianoforte

PROGRAMMA

Franz Liszt (1811-1886)

Grand duo concertant sur la Romance de M. Lafont Le marin”
Romance oubliée
Die Zelle in Nonnenwerth

Camillo Sivori (1815-1894)

Variazioni sul Faust di Gounod
Romanza op. 23
Fiori di Napoli op. 22

Niccolò Paganini (1782-1840)

Variazioni sul tema del Carnevale di Venezia

Scarica il programma del concerto

Il concerto presenta all’inizio alcune pagine poco note di Liszt e si conclude con il brano forse più celebre di tutto il repertorio cameristico dell’Ottocento, Variazioni sul tema del Carnevale di Venezia. Al centro un prezioso medaglione di Camillo Sivori.

La concezione violinistica di Sivori affonda le proprie radici nel bagaglio di tecnica trascendentale e nell’ideale di cantabilità ereditati da Paganini, suo maestro e concittadino. Nello stile compositivo di Sivori è inoltre possibile ravvisare una triplice modalità di scrittura: lo stile brillante, in cui un’attenzione all’aspetto ritmico si coniuga a differenti soluzioni tecniche di arco e mano sinistra; la scrittura più trascendentale, dove l’allievo dà fuoco alle polveri del più sfrenato virtuosismo tipico di Paganini, e – come fattore complementare alle acrobazie ‒ un ordito più lineare in cui l’attenzione è volta a sviscerare tutte le capacità liriche e le potenzialità timbriche insite nel violino, sia mediante bicordi sia con frasi di estrema semplicità.

   Variazioni sul Faust di Gounod è un’opera inedita, mai incisa, ed eseguita esclusivamente dal Gran Duo Italiano. Nata per violino e orchestra sinfonica, fu probabilmente lo stesso autore ad adattarla per violino e pianoforte.

La Romanza op. 23 è la prima delle due Romanze senza parole di Sivori (la seconda in qualche edizione reca il titolo La Preghiera), eseguite per la prima volta dall’autore durante un concerto a Bruxelles nel 1862; furono pubblicate presso Ricordi nel 1868, e a questa edizione seguirono varie altre.

   Fiori di Napoli op. 22 fu eseguita la prima volta dall’autore durante un concerto a Baden nel 1859, e fu pubblicata otto anni più tardi da Escudier a Parigi, mentre è del 1868 la prima edizione italiana presso Ricordi. Varie fonti, come ad esempio il Fétis, ne documentano anche una versione con accompagnamento orchestrale. Attraverso una serie di sezioni tra loro concatenate Maestoso/Allegretto/Allegro/Adagio/Allegro/Allegro moderato/Coda) l’autore riprende vari temi di canzoni napoletane popolari, come ad esempio Fenesta vascia esposto dal pianoforte nel Maestoso d’apertura. La scrittura violinistica risulta sempre chiaramente improntata ad una calda e vibrante cantabilità (come dimostrano i vari passaggi in quarta corda) o ad un ardito virtuosismo di netta ispirazione paganiniana, di cui esempio lampante sono i passaggi con tricordi trillati. (M. T. – A. M.)


Il Gran Duo Italiano composto dal violinista Mauro Tortorelli e dalla pianista Angela Meluso nel 2011 è stato insignito del Premio Mediterraneo dalle più alte cariche dell’Unione Europea per il lavoro di ricerca musicologica, riscoperta e valorizzazione del patrimonio artistico-musicale italiano.

Il Duo vanta incisioni discografiche in prima mondiale di musiche di Gaetano Fusella, Camillo Sivori (unico allievo di Paganini), Rosario Scalero (allievo di Sivori ), che hanno ottenuto grande successo di pubblico e di critica in trasmissioni radiofoniche (Rai Radio3 Suite, Primo movimento Rai Radio3, Radio Malta, Radio France, BBC Radio 3) e recensioni 5 stelle su riviste specializzate: Musica, Amadeus, Fanfare, Harmonia Mundi, Gramophone, Diapason.

Nel 2014 il Duo debutta a Berlino presso lo Stilwerk- Bechstein Centrum; si esibisce al Coseilpalais- Festsaal di Dresda, alla Spiegelsaal der Harmonie di Bamberg ed al Gasteig di Monaco riscuotendo unanimi consensi di pubblico e di critica. Nello stesso anno tiene un concerto in occasione della “Italienischer Kultur Abend” organizzata dalla Konrad Adenauer Stiftung di Berlino alla presenza delle più alte cariche istituzionali tedesche. Dopo una tournée nelle più importanti sale da concerto del Giappone, nel 2016 il Duo è invitato a tenere concerti presso il Conservatorio Superiore di Tenerife, al Casino Reale dell’Isola e alla Filarmonica di Timisoara. Nel 2017 debutta alla Carnegie Hall di New York con un concerto dedicato alla musica riscoperta di Sivori e Scalero che replicherà successivamente a Kazan (Russia) in occasione della 45° Conferenza Internazionale Esta. Recentemente il Duo si è esibito presso la prestigiosa Laeiszhalle di Amburgo (Kleiner Saal).

Gli ultimi lavori discografici del Duo per l’etichetta Brilliant Classics sono dedicati alle opere per violino e pianoforte di Camille Saint-Saëns e Darius Milhaud.